VOICES from the Blogs

spoletta nero trasparenteSul Web ogni giorno milioni di persone esprimono i loro giudizi, le loro preferenze, i loro gusti. Ma di che cosa parlano? Quali sono le loro opinioni sui vari temi e perché è importante scoprirlo? Voices from the Blogs (VOICES), spin-off & start-up dell’Università degli Studi di Milano, è un osservatorio permanente di quello che si dice e si discute in rete, attraverso l’utilizzo di avanzate metodologie statistiche e tecniche informatiche disegnate appositamente per la Sentiment Analysis.

La integrated Sentiment Analysis (iSA®) sviluppata da VOICES permette in particolare di unire la profondità di una analisi qualitativa dei testi che è possibile ottenere attraverso la codifica manuale con i vantaggi propri di una analisi altamente automatizzata sul mondo dei Big Data. L’ulteriore vantaggio di iSA® è che si può applicare su qualunque lingua.

Al 1/9/2014 VOICES ha analizzato oltre 350 milioni di voci scritte in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, giapponese, russo, e provenienti da Twitter, Facebook, Google+, Instagram, Blog, Forum, News, per produrre i risultati presenti in questo blog. Al momento VOICES, oltre all’Italia, opera sul mercato americano, giapponese, spagnolo e svizzero. Per saperne di più su VOICES e i suoi prodotti leggi qui.

Stay tuned!          

Pubblicato in generico | Lascia un commento

La prima puntata di XFactor8 vista da Twitter? (Quasi) tutti promossi. Tranne Fedez e Victoria

aaaStasera andrà in onda la seconda puntata di XFactor8. Ma come è andata la prima puntata? Dal punto di vista dell’auditel i risultati sono stati decisamente lusinghieri. Con 1 milione e 140 mila spettatori medi, infatti, il programma infatti ha fatto registrare il miglior debutto da quando è trasmesso su Sky (+19% rispetto a un anno fa). Ma l’esordio di XFactor8 è piaciuto anche alla Rete? Sembrerebbe proprio di sì. I circa 100mila tweet pubblicati dai telespettatori durante la diretta e analizzati da VOICES hanno fatto registrare un sentiment positivo particolarmente elevato (69,6%).

Diapositiva2

Continua a leggere

Pubblicato in costume, Italia, società, tecnologia, televisione | Contrassegnato , , , , , , , , , , , ,

L’ora solare fa male al buonumore degli italiani

Sarà forse perché rappresenta la prova inconfutabile che l’inverno sta oramai arrivando e che per un po’ bisogna dimenticarsi dell’estate. Sta di fatto che il cambio delle lancette d’orologio nella notte tra sabato e domenica ha fatto male al buonumore degli italiani: -12 punti sulla base dell’indice iHappy sviluppato da VOICES. Da un valore di felicità  pari a 54,4 di sabato 25 ottobre a quello di 42,7 di domenica 26 ottobre. Insomma, nel giorno dell’ora solare, la maggioranza degli italiani è stata di cattivo umore.

impatto_ora_legale

Pubblicato in costume, Italia, società | Contrassegnato , , , ,

We want you! Posizione di sviluppatore presso VOICES

VOICES FROM THE BLOGS
Spinoff dell’Università degli Studi di Milano
fondata il 12/12/12 e iscritta nel “Registro delle Startup Innovative”

i-want-you

Ricerca un laureando da inserire nel gruppo di sviluppatori della società (VOICES, in breve) nell’ambito del progetto di Alta Formazione e Ricerca promosso da Italia Lavoro e Regione Lombardia.

Voi ci mettete il codice, noi il know-how, in un progetto di formazione che solo VOICES, in quanto spinoff universitario, può offrire.

Caratteristiche dell’impiego:

  1. Durata e tipologia: 12 mesi, part-time (24h/settimana), in modalità “tirocinio di Alta Formazione e Ricerca” con possibilità di assunzione a tempo indeterminato a fine contratto
  2. Progetto formativo e di sviluppo lungo queste tre linee:
    • sviluppo e gestione di database (MySQL-like e/o MongoDB-like)
    • sviluppo di App per iOS (opzionale Android)
    • sviluppo di GUI (HTML5, JavaScript, ecc)
    • RegExp manipulation and shell scripting
  3. Supervisione da parte degli sviluppatori di VOICES in tutte le fasi del progetto
  4. Stesura tesi di laurea su progetto sviluppato
  5. Sede di lavoro in ambiente “startup farm”, stimolante e coinvolgente a Milano

Caratteristiche del candidato:

  1. laureando triennale con almeno 60 CFU da completare e fino ad un massimo di 80, oppure laureando magistrale con almeno 40 CFU da completare
  2. conoscenze di database relazionali (MySQL o simili)
  3. conoscenze di Objective C (o altri ambienti per lo sviluppo sotto iOS)
  4. conoscenze di HTML5 e/o JavaScript
  5. JSON, XML, ecc sono un plus

Lo studente, con l’aiuto del responsabile del corso di laurea interessato e VOICES dovrà stendere un programma formativo che includa la modifica del proprio piano di studi per un numero di CFU stabilito.

N.B.: Sono previsti benefici per l’Università di appartenenza del laureando.

VOICES è una società dinamica e in forte espansione, in procinto di brevettare a livello europeo la tecnologia proprietaria per l’analisi dei testi denominata iSA®.

VOICES opera nel campo dell’analisi dei dati provenienti dai Social Media (SM) e svolge attività di ricerca, marketing, analisi di previsione e sviluppo di prodotti in ambito SM.

VOICES pubblica parte delle sue ricerche attraverso il suo sito, il blog Sentimeter su Corriere.it ed ha una rubrica fissa mensile sulle pagine di Economia&Finanza di Repubblica.it

Gli interessati possono contattare direttamente: blogsvoices@unimi.it, riferimento “Candidatura: JOB01/14″.

Pubblicato in comunicazione, imprese, internet, Technology, tecnologia, Twitter | Contrassegnato , , , , , ,

La lite Santoro-Travaglio fa male a #serviziopubblico

aaaSi continua a parlare di crisi dei Talk show politici, sia dal lato dell’auditel sia dal lato del sentiment. Quanto accaduto giovedì sera, al termine della puntata di Servizio Pubblico, quando Santoro e Travaglio hanno litigato in diretta tv, non fa altro che testimoniare come in questo momento di crisi i nervi di giornalisti e conduttori siano particolarmente tesi. La lite però non ha fatto bene alla trasmissione, il cui gradimento in termini di sentiment si è praticamente dimezzato rispetto a quello fatto registrare nelle puntate precedenti (sentiment positivo puntata del 16 ottobre: 17,2%). Sulla lite chi seguiva la trasmissione live su Twitter, ha preso poi una chiara posizione schierandosi, a maggioranza, dalla parte di Travaglio (57,7%). Poco più di uno su quattro dà invece ragione a Santoro (28,8%) mentre il 13,5% dei commenti  ritiene che entrambi i giornalisti fossero dalla parte del torto. Travolto dalle critiche, oltre a Santoro, anche Claudio Burlando, Presidente della Giunta regionale della Liguria, anch’egli presente alla trasmissione di giovedì scorso, e all’origine dello scontro Travaglio-Santoro: in questo caso i commenti critici arrivano all’81,3%.

Pubblicato in society, tecnologia, televisione | Contrassegnato , , , ,

Il Jobs Act alla prova della Rete: bocciato il Tfr in busta paga, aperture sull’Articolo 18

repubblicaI provvedimenti assunti e quelli annunciati dal governo in tema di mercato del lavoro accendono le discussioni in Rete che si spacca tra un blocco di iper-critici ed uno di entusiasti. I quasi 100mila post analizzati nelle ultime due settimane (tra Twitter, Facebook, Blog, Forum, Google+) da Voices from the Blogs rivelano infatti le forti contrapposizioni degli italiani su una materia molto delicata. Ma, un po’ a sorpresa, più che l’Articolo 18 è il Tfr in busta paga a ricevere le critiche più forti. Vediamo i dati dunque. Il giudizio generale sul Jobs Act mostra una opinione pubblica equamente divisa (almeno on-line): al 48,1% dei pareri apertamente critici, infatti, si contrappone il 42,5% dei favorevoli. A chi ritiene che i provvedimenti assunti danneggino i diritti dei lavoratori (36,8%), si contrappongono coloro che invece apprezzano il Jobs Act proprio perché redistribuirebbe tali diritti (35,5%) ad una  platea più ampia di occupati. A fronte di un 8,9% che giudica inutile la riforma e di un 2,4% che la ritiene, dall’altro lato, insufficiente, registriamo invece un 5,8% secondo cui il Jobs Act riuscirà effettivamente a creare nuove opportunità occupazionali. È interessante notare come il provvedimento attiri giudizi positivi non solo da parte degli utenti più dichiaratamente filo-renziani, ma anche da quelli di orientamento politico diverso rispetto al premier. In questo senso dunque la mossa potrebbe rivelarsi utile anche a catturare un elettorato diverso da quello di riferimento.

JobsAct

Continua a leggere

Pubblicato in economia, Italia, tecnologia | Contrassegnato , , , , ,

Juventus-Roma non fa bene alla felicità dei romani: -35 punti

Il post Juventus-Roma non sembra aver giovato alla felicità dei romani: se sabato 4 ottobre l’indice iHappy di Voices from the Blogs aveva infatti toccata a Roma un picco pari al 62,6% (in costante crescita da martedì sera in poi), nella giornata del 5 ottobre crolla al 27,9%. E tra tutte le regioni Italiane, è proprio il Lazio quella che risulta più “arrabbiata” nella giornata di ieri.

post_Juventus-Roma_iHappy

Pubblicato in Calcio, società, tecnologia | Contrassegnato , , , ,

Talk-show politici? Bocciati dall’Auditel…e da Twitter

sentimeterIn questi giorni si parla molto di crisi dei talk show politici. Ad aprire il dibattito è stato Santoro, a cui ha fatto eco Aldo Grasso. I due fanno notare che la “scelta di riempire all’inverosimile la programmazione di trasmissioni d’approfondimento” è equiparabile a una “overdose” che ha prodotto “nausea” e “rigetto” nei confronti dei talk show politici. In effetti i dati auditel sono impietosi e non fanno sconti a nessuno. Il dato assume contorni ancora più accentuati se consideriamo che le difficoltà che stanno attraversando i talk show sembra colpire non solo gli ascolti, ma anche il gradimento espresso dal pubblico “attivo”, ovvero da quella parte di telespettatori che guardando le trasmissioni le commenta “live”, attraverso Twitter. Dall’analisi fatta da Voices of the Blogs su  oltre 120 mila commenti riferiti alle otto trasmissioni di approfondimento sopracitate tra lunedì a venerdì scorso, appare come nessuna di queste abbia fatto registrare un gradimento superiore al 50%, con una media complessiva di commenti positivi sui programmi che arriva solo al 24,2%. I “twitter-spettatori” criticano il format in sé, ma anche i conduttori dei talk show non vanno benissimo. Il sentiment positivo nei loro confronti, seppur leggermente superiore, si ferma infatti al 26,6% in media. Se guardiamo al dettaglio, tra i programmi che hanno fatto registrare più commenti positivi la settimana scorsa ci sono Piazzapulita col 49,2%, poi Virus col 36,5% e Servizio Pubblico col 30,1%, mentre Matrix e Ballarò rimangono intorno al 10%. Tra i conduttori invece la spunta Porro (42,1%) seguito da Santoro (32,7%) e Floris (29,1%).

Talk & Conduttori VfB

22-26 settembre 2014: i tre talk-show politici e i tre presentatori con il più elevato sentiment positivo

Continua a leggere

Pubblicato in costume, Italia, società, tecnologia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , ,